Crea sito

Comunicato Cgil Lombardia…

Milano, 28 febbraio 2020

Class. 4.13/2

Alle CdLT/CdLM

Alle Categorie Regionali

All’Apparato CGIL Lombardia

Oggetto: Scheda di autocertificazione COVID 19

Care compagne e cari compagni,

In queste ore alcune imprese stanno richiedendo ai lavoratori di compilare una scheda di autocertificazione relativa al proprio stato di salute, in merito alla epidemia dovuta al COVID 19 (Coronavirus) che in questi ultimi giorni si sta diffondendo nel nostro Paese.

Fatto salvo quanto disposto dalle autorità preposte alla tutela dell’igiene e della salute pubblica, le uniche che possono attivare un conseguente protocollo sanitario, vale quanto disposto dal D. Lgs 81/08 in merito alla tutela dai rischi nei luoghi di lavoro.

Spetta quindi al Datore di Lavoro in collaborazione con Medico Competente e previa consultazione del RLS effettuare la valutazione del rischio biologico, nei casi in cui sussista e per TUTTI gli agenti biologici prevedibili, quindi non solo per il Coronavirus.

La valutazione è di carattere generale, legata appunto alla esposizione a uno o più agenti biologici e volta ad assumere le misure tecnico organizzative necessarie affinché lo stesso Datore di Lavoro possa prevenire il rischio, anche fornendo precise istruzioni e rendendo disponibili dispositivi di protezione individuale per la successiva riduzione e protezione del rischio. L’informazione e la formazione rimangono misure generali di tutela, cosi come la consultazione preventiva del rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza.

Spetta poi al Medico Competente nell’ambito della sorveglianza sanitaria effettuare le visite mediche che riterrà utili al fine della tutela della salute stessa del lavoratore, anche acquisendo dati anamnestici che comunque dovranno essere tutelati nell’ambito della riservatezza del rapporto medico-paziente.

Questo è quanto richiesto dalla legge!

Pertanto il questionario non pare giustificato e viola i diritti di riservatezza del lavoratore.

Inoltre, è essenziale che tutti evitino azioni che possano creare panico ed allarmismo ingiustificato.

Siamo comunque a disposizione per ulteriori chiarimenti in merito.

Cordiali saluti

p. la Segreteria

Massimo Balzarini